In una collaborazione con l'UNICEF, per ogni iscrizione doniamo € 3,00 ai bambini in Siria . Questo denaro contribuirà a fornire un'educazione sicura ai bambini nella Siria dilaniata dalla guerra.

L'anno scorso l'UNICEF ha assistito l'educazione di 2.239.884 bambini siriani colpiti dalla guerra nella regione.

Attualmente una scuola su tre in Siria è stata distrutta o resa inutilizzabile a causa della crisi. Questo, con inoltre la mancanza di materiale didattico essenziale nelle restanti scuole, crea un ostacolo significativo all'educazione dei bambini.

L'obiettivo dell'UNICEF quest'anno è quello di fornire un'educazione formale e sicura per 1,2 milioni di bambini in Siria. Ciò include la fornitura di strutture, mobili, insegnanti qualificati, riabilitazione, ambienti di apprendimento sicuri e materiali didattici.

Abbiamo il privilegio di lavorare con l'UNICEF per raggiungere questo obiettivo.

Il 12 maggio 2017 ad Aleppo, nella Repubblica araba siriana, Abdullah [NOME NON VERITIERO] (sotto), 15 anni, studia in un centro di accoglienza supportato dall'UNICEF per bambini che seguono gli esami nazionali di grado 9 e di grado 12. Abdullah ha sentito di aver perso tutto quando la sua scuola nel sud rurale di Aleppo e' stata chiusa a causa dei combattimenti. Ha iniziato ad andare a lavorare in una fattoria di una famiglia per sostenere finanziariamente i suoi genitori. "Le nostre vite sono cambiate quando una scuola è stata riaperta all'inizio dell'anno scolastico, ma abbiamo affrontato un'altra difficoltà; non c'erano insegnanti rimasti per aiutarci a studiare. Se ne sono andati tutti ", ha spiegato Abdullah. Grazie ad un insegnante di matematica in pensione che ha riunito e formato gli studenti universitari per aiutare i bambini a prepararsi per gli esami, Abdullah e i suoi amici sono stati in grado di rivedere le lezioni e continuare il loro apprendimento. A maggio hanno dovuto lasciare la loro casa e intraprendere un pericoloso viaggio per sostenere gli esami di livello 9.

Mentre i bambini delle scuole in molte parti del mondo completano l'anno scolastico e si preparano per le vacanze e i campi, i bambini in Siria hanno attraversato un conflitto attivo linee disperate per sostenere i loro esami finali di scuola. A maggio e giugno 2017, quasi mezzo milione di bambini hanno sostenuto i loro esami nazionali in tutta la Siria. Circa 10.689 bambini provenivano da aree difficili da raggiungere e assediate. Questo numero era solo un terzo dei 36.017 bambini che si sono registrati per sostenere gli esami. Molti non potevano raggiungere i centri d'esame perché era troppo pericoloso o non gli era consentito l'accesso attraverso i checkpoint. Questi bambini determinati rischiavano la vita, attraversando numerosi checkpoint dove venivano interrogati da uomini armati. Molti lasciarono le loro famiglie e dovettero camminare da soli per ore per raggiungere i centri d'esame. Alcuni di questi bambini hanno abbandonato la scuola per un anno o più a causa di sfollamenti e violenze e, di conseguenza, sono stati costretti a studiare a casa da soli o con l'aiuto di insegnanti o dei loro genitori nelle loro case.

L'UNICEF ha supportato questi bambini fornendo borse di studio per aiutare a coprire le spese di trasporto e le spese di soggiorno quotidiane nei rifugi vicino ai centri d'esame. Per aiutare i bambini a prepararsi per gli esami, l'UNICEF ha organizzato corsi di recupero e sessioni di revisione e distribuito materiali di studio e stazionari. L'UNICEF ha anche fornito ai bambini supporto psicosociale per aiutarli a fronteggiare il loro trauma a causa di conflitti e spostamenti. Gli studenti hanno anche ricevuto un kit di igiene personale per rimanere puliti e freschi durante il loro soggiorno nei centri di accoglienza.

Dopo più di sei anni di guerra in Siria, circa 1,75 milioni di bambini non vanno a scuola. Alcuni bambini non hanno mai visto l'interno di un'aula. Le strutture educative continuano ad essere attaccate mentre la violenza continua in molte parti del paese. Una scuola su tre è danneggiata, distrutta o utilizzata come rifugio. Lavorando con i suoi partner, l'UNICEF fornisce materiale didattico e libri di testo, riabilita le scuole e forma gli insegnanti per ampliare le opportunità di apprendimento. Nel 2016 l'UNICEF ha raggiunto circa 3 milioni di bambini con il sostegno all'istruzione in Siria. L'UNICEF ha anche sviluppato una serie di strumenti di educazione informale come curriculum e materiali di autoapprendimento diretti a bambini che non frequentano la scuola, al fine di aiutarli a recuperare gli anni di istruzione persi. Passare gli esami nazionali in una porta per l'istruzione superiore e un futuro migliore.

Mentre i bambini delle scuole in molte parti del mondo completano l'anno scolastico e si preparano per le vacanze e i campi, i bambini in Siria hanno attraversato un conflitto attivo linee disperate per sostenere i loro esami finali di scuola. A maggio e giugno 2017, quasi mezzo milione di bambini hanno sostenuto i loro esami nazionali in tutta la Siria. Circa 10.689 bambini provenivano da aree difficili da raggiungere e assediate. Questo numero era solo un terzo dei 36.017 bambini che si sono registrati per sostenere gli esami. Molti non potevano raggiungere i centri d'esame perché era troppo pericoloso o non gli era consentito l'accesso attraverso i checkpoint. Questi bambini determinati rischiavano la vita, attraversando numerosi checkpoint dove venivano interrogati da uomini armati. Molti lasciarono le loro famiglie e dovettero camminare da soli per ore per raggiungere i centri d'esame. Alcuni di questi bambini hanno abbandonato la scuola per un anno o più a causa di sfollamenti e violenze e, di conseguenza, sono stati costretti a studiare a casa da soli o con l'aiuto di insegnanti o dei loro genitori nelle loro case.

L'UNICEF ha supportato questi bambini fornendo borse di studio per aiutare a coprire le spese di trasporto e le spese di soggiorno quotidiane nei rifugi vicino ai centri d'esame. Per aiutare i bambini a prepararsi per gli esami, l'UNICEF ha organizzato corsi di recupero e sessioni di revisione e distribuito materiali di studio e stazionari. L'UNICEF ha anche fornito ai bambini supporto psicosociale per aiutarli a fronteggiare il loro trauma a causa di conflitti e spostamenti. Gli studenti hanno anche ricevuto un kit di igiene personale per rimanere puliti e freschi durante il loro soggiorno nei centri di accoglienza.

Dopo più di sei anni di guerra in Siria, circa 1,75 milioni di bambini non vanno a scuola. Alcuni bambini non hanno mai visto l'interno di un'aula. Le strutture educative continuano ad essere attaccate mentre la violenza continua in molte parti del paese. Una scuola su tre è danneggiata, distrutta o utilizzata come rifugio. Lavorando con i suoi partner, l'UNICEF fornisce materiale didattico e libri di testo, riabilita le scuole e forma gli insegnanti per ampliare le opportunità di apprendimento. Nel 2016 l'UNICEF ha raggiunto circa 3 milioni di bambini con il sostegno all'istruzione in Siria. L'UNICEF ha anche sviluppato una serie di strumenti di educazione informale come curriculum e materiali di autoapprendimento diretti a bambini che non frequentano la scuola, al fine di aiutarli a recuperare gli anni di istruzione persi. Passare gli esami nazionali in una porta per l'istruzione superiore e un futuro migliore.